Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

È morto padre Felice, il francescano confessore

felice3


La sua "casa" era il confessionale. È morto il francescano padre Felice Chiappetta (al secolo Alessandro), 81 anni, calabrese di origine, da nove anni inserito nella comunità di Santa Maria di Campagna. I funerali si tengono lunedì 24 gennaio alle ore 11 nella basilica di piazzale Crociate a Piacenza; sabato 22 e domenica 23 alle 21 si svolge nella chiesa una veglia di preghiera.

Un sogno “infranto”: dalla Calabria al Canada

Nato a Cosenza, fin da ragazzo voleva diventare religioso. Nella sua famiglia era l’unico figlio maschio giunto dopo una nidiata di femmine - racconta padre Secondo Ballati, superiore del convento di Santa Maria di Campagna -. Non venne però accettato nel convento al quale si rivolse; in base alla tradizione, avrebbe dovuto portare avanti il cognome della famiglia. Così non gli rimase che cercare un lavoro. Come altri fratelli, emigrò in Canada a Toronto, dove trovò una numerosa comunità italiana.
I percorsi di Dio a volte sono tortuosi, ma chi lo cerca con sincerità, alla fine trova la sua strada. Fra i suoi incontri in terra nordamericana, il giovane venuto dalla Calabria non dimenticò mai quello con padre Raffaele Ramuzzini, francescano minore, a Toronto come cappellano degli emigranti. Fu lui a raccogliere il suo desiderio di farsi frate. Lo mise in contatto con padre Ernesto Caroli che a Bologna, dopo la dura esperienza del lager in Polonia e Germania, aveva fondato nel dopoguerra l’Antoniano con la mensa per i poveri e il teatro che ospiterà lo
Zecchino d’Oro.


Parroco al porto di Ravenna

Rientrato in Italia, il giovane Alessandro iniziò a 21 anni il suo percorso di formazione prima a Rimini, poi a Villa Verucchio nel ravennate, a Piacenza, a Bologna e infine a Gerusalemme; divenuto frate con il nome di padre Felice, viene ordinato sacerdote dal cardinal Poma nel 1971 nel capoluogo emiliano. Ha svolto il suo servizio in diverse case dell’Ordine in Emilia Romagna: Parma, Ravenna, dove è stato anche alla guida della parrocchia del porto, Dovadola nel forlivese, ed altri ancora.
A Piacenza, con la sua caratteristica barba bianca, si dedicava al ministero delle confessioni. Sapeva che il nostro principale nemico è proprio il peccato, la nostra lontananza dall'amore di Dio. “La gente - aggiunge padre Secondo - lo cercava perché si sentiva accolta: «non ha fretta!», dicevano in tanti. In comunità era una presenza discreta, silenziosa e costruttiva”. Anche il vescovo mons. Adriano Cevolotto - racconta lui stesso - l’aveva conosciuto e apprezzato “per la sua semplicità francescana e la sua limpidezza e delicatezza spirituale”.

D. M.

Pubblicato il 22 gennaio 2022

Ascolta l'audio

Altri articoli...

  1. E' morto don Dante Concari. Funerali il 24 a Fiorenzuola
  2. Le nuove linee guida contro l'antisemitismo
  3. Ad-Dio, suor Maria Grazia: una vita davanti al Tabernacolo
  4. S.Sebastiano, patrono della Polizia locale: messa in duomo
  5. I funerali dei giovani amici presieduti dal Vescovo
  6. Sono stati sospesi i pellegrinaggi alla Cattedrale
  7. Pellegrinaggio a Santiago per i giovani della diocesi
  8. Celebrazioni in onore di Sant'Antonio abate
  9. Preghiera per l'Unità dei cristiani, rinviati gli incontri
  10. Don Galeazzi, il 16 messa d'ingresso in S.Corrado e al Preziosissimo
  11. Da oltre190 anni le Suore Gianelline al servizio degli ultimi
  12. Cei: no Green pass per la messa ma raccomandata la FFP2
  13. Get Up and Walk, gli incontri per giovani
  14. Mons. Cevolotto positivo al Covid
  15. E' morto il diacono Francesco Accordino
  16. Il funerale di don Biolzi a Bedonia martedì 11
  17. Si ricorda San Severino Abate
  18. Rinviato il Consiglio pastorale diocesano
  19. Decreto quarantene, aggiornamento dalla diocesi
  20. Africa Mission: sei posti per il servizio civile in Uganda
  21. La storia di Anna, icona della fedeltà e dell'umiltà
  22. Il 3 gennaio messa di guarigione spirituale
  23. Zuppi a Cives: la Chiesa cambia perchè la storia la fa cambiare
  24. «Double Degree», gli ultimi laureati dei primi cento anni della Cattolica
  25. A don Dadda affidate le parrocchie di Bobbiano e di Viserano
  26. Appello da «La Ricerca»: il Nido cerca volontari per le notti
  27. La Graffigna a Cives: un'analisi sul post-pandemia
  28. La Ricerca, messa di Natale celebrata da don Ponticelli
  29. San Polo ha accolto don Severino
  30. Ordine di Malta, donazione a favore della Caritas diocesana
  31. Nuove nomine nella nostra diocesi
  32. Il grazie di padre Ballati alla generosità dei piacentini
  33. Rinviata la messa per padre Gherardo
  34. Si svolge il 17 dicembre la Veglia degli adolescenti
  35. «Aspettando Santa Lucia», reading teatrale e laboratorio
  36. «L’Italia è Donna»: incontro in Cattolica
  37. A Piacenza arriva il grande tappeto della solidarietà
  38. Castel San Giovanni, il saluto di don Capra alla parrocchia
  39. Rotta condivisa ResQ People, la nave della società civile
  40. S'inaugura il nuovo presepe della Cattedrale

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente

Il nostro Sito utilizza esclusivamente cookies tecnici e non di tracciamento dell'IP di chi accede. Per saperne di più, clicca qui: Utilizzo Cookies