Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore
  • 1
  • 2
Prev Next

Anche noi eroi del quotidiano: dipende da come ti guardi

A Cives in Cattolica l’intervento dello psicologo Daniele Bisagni

bisagniCives

Ciò che è percepito come bello è ciò che suscita un’emozione, una sensazione di benessere, per questo chi meglio di uno psicologo come Daniele Bisagni poteva sollecitare i partecipanti del corso Cives, organizzato dall’Università Cattolica con il patrocinio della diocesi di Piacenza-Bobbio, alla ricerca della bellezza che è dentro di noi e che ci circonda.
L’ospite del corso di formazione civica, che per l’edizione di quest’anno ha il titolo “Bello da dio”, ha trattato il tema della bellezza dal punto di vista della psicologia sociale, che studia in particolare le interazioni e i conflitti dell’individuo all’interno del gruppo sociale.

Bisagni ha sottolineato come ciascuno di noi non possa vivere slegato dal contesto in cui si relaziona. Infatti, noi esistiamo, pensiamo, ci comportiamo e proviamo sentimenti, in quanto membri di un gruppo, la stessa idea che abbiamo di noi stessi è influenzata dalle persone che ci circondano.
Le percezioni che ci derivano dal vivere in un contesto sociale e le conseguenti interpretazioni che ne scaturiscono, fanno sì che maturiamo impressioni su come sta andando il mondo che ci circonda e la nostra vita in particolare.
La profezia dell’auto-avverante nella psicologia sociale è uno dei fenomeni più studiati. Il dottor Bisagni parla di una sorta di magia che ci induce a prendere decisioni ed attuare azioni per far avverare ciò che desideriamo o ciò che temiamo.

Se il contesto sociale in cui viviamo – ha aggiunto il relatore - definisce reali certe situazioni anche se non vere, esse diventano effettivamente tali nelle loro conseguenze perché siamo spinti a compiere azioni che producono gli effetti attesi. Ma anche nel particolare, se ritengo di non valere sarò portato a generare aspettative di fallimento e di fatto fallirò, questa realtà può verificarsi in ogni contesto da quello economico sino al benessere psicofisico.
Per questo diventa tanto importante nutrirci di belle sensazioni evitando di farci schiacciare dal conformismo e dalla paura. Se guardiamo intorno a noi con occhiali scuri, se ci sentiamo sfortunati, non sapremo guardarci attorno per notare le opportunità che la vita ci offre, ci sentiamo vittime, guardiamo con i paraocchi e ci chiudiamo in noi stessi.

La persona che percepisce la bellezza di ciò che lo circonda si sente fortunato, guarda il mondo in maniera creativa, coglie le opportunità che la vita offre.
Se si sorride di più, se si è più ottimisti, altruisti e si tenta di risolvere i conflitti, si aumentano le nostre possibilità di essere felici.
Dobbiamo essere in grado d’immaginare una realtà differente, di poter volare come un’aquila anche se si è pinguini.
Possiamo diventare eroi del quotidiano con consapevolezza e realismo – ha proseguito Bisagni -, sapendo accogliere la sofferenza, traducendo i problemi in una opportunità. Il professore ha così concluso: “Sei più bello di quanto pensi e vivi in un mondo migliore di quanto immagini, puoi ogni giorno renderlo migliore con i tuoi atti di eroismo quotidiano”.

Il nuovo appuntamento di Cives è in programma giovedì 31 ottobre all’Università Cattolica del Sacro Cuore (via Emilia Parmense, 84) a Piacenza; alle ore 20 la dott.ssa Marisa Musaio, docente di pedagogia all’Università Cattolica di Piacenza, parlerà sul tema “Educarci al bello”.

Stefania Micheli

Pubblicato il 21 ottobre 2019

Ascolta l'audio

Altri articoli...

  1. Perché sui social uno racconta di sé
  2. «Vigolzone e le sue frazioni», in mostra il passato e il presente
  3. ConNETtiamoci, una sola rete per aiutare le famiglie in difficoltà
  4. L'evangelista Matteo, uno scriba divenuto discepolo e maestro
  5. Un anno di «Ac...cogliere»: dalla comunità all'agricoltura biologica
  6. «Vocazione»: a Punto Incontro prosegue la lettura della «Christus Vivit»
  7. SAE, 50 anni di ecumenismo a Piacenza
  8. Suicidio assistito, dalla sentenza della Corte Costituzionale un cambiamento epocale
  9. Dall’arte greca alla bellezza di oggi
  10. «Signore, insegnaci a pregare!»
  11. La Giornata per la pace al santuario di Strà
  12. «Una Cattedrale, una città», i prossimi eventi
  13. La Giornata mondiale delle bambine e delle ragazze
  14. A Castel San Giovanni la mostra "Walking in your shoes"
  15. Mons. Busani: l'evangelista Giovanni, un testimone amato e indispensabile
  16. Don Lusignani presenta il suo ultimo libro «Coram deo»
  17. Allarme dai Medici Cattolici: la povertà è il primo fattore di rischio per la salute
  18. Don Tagliaferri, don Kanda Wa Kanda e padre Nsimina Masengi: nomine nel clero
  19. Coltivare la biodiversità
  20. «La grazia di Dio può trasformare qualsiasi vita»
  21. «La casa che stavo cercando»: due storie di rinascita
  22. Sognare un futuro diverso
  23. Sae, convegno il 12 al Collegio Alberoni
  24. Giovani e famiglia
  25. Viaggio nel cuore dell’uomo
  26. La grande musica promuove l’8 per mille
  27. Il 7 messa di guarigione spirituale in S. M. di Campagna
  28. Il film «Aquile randagie» al Corso e al Capitol di Fiorenzuola
  29. «Mettiamoci in ginocchio per rialzarci diversi»
  30. «Lo avete fatto a me», celebrato il mandato A.C.
  31. La Bottega del Riuso, apertura a Borgonovo
  32. Dopo di noi, incontri sulla realtà abitativa di persone disabili
  33. La «Caccia ai tesori dell’arte» a Piacenza
  34. Una serata per Francesca Lipeti
  35. Anteprima del documentario «Caro Montini» a Brescia
  36. Alla Passerini Landi si parla di gioco d'azzardo
  37. La donna e il fariseo in lotta dentro di noi
  38. La festa degli anniversari di matrimonio a Castel San Giovanni
  39. Uno spazio informativo gratuito sulla mediazione familiare
  40. Quattro corali e un'orchestra per il concerto inaugurale dell'evento su «Carracci»

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente