Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Guerre a Piacenza. L'intervento di Contardi a Cives

 contardi

Insieme a Nicola Contardi, parte la seconda parte del corso Cives “Zona Franca” dedicata alla realtà piacentina.
Il dott. Contardi, informatico e e creatore di giochi storici, nel 2006 ha fondato
Europa simulazioni”, che produce giochi di ruolo legati ad eventi bellici. Lultima creazione è stata Piacenza 1746”, sulla Battaglia di Piacenza nellambito della guerra di secessione austriaca. Contardi con i suoi giochi di simulazione storica, che hanno richiesto anni di studi e di collaborazioni professionali, permette agli amanti dei giochi di ruolo di rivivere situazioni di forte drammaticità per l’umanità, seppur in chiave ludica.
La serata, che ha trattato in particolare delle guerre combattute sul territorio piacentino, ha ricordato quanto anche la nostra città sia stata teatro di scontri sanguinosi che si sono ripetuti nella storia.

Piacenza teatro di importanti battaglie

“La guerra sicuramente non piace a nessuno - ricorda Contardi- ma va studiata perché rappresenta un fatto universale, un atteggiamento tipico sia passato che presente, che permette di comprendere il comportamento umano in tutte le sue dimensioni. La posizione geostrategica della nostra città - osserva il relatore - l’ha resa spesso teatro di importanti battaglie, alcune delle quali, come l’assedio di Francesco Sforza del 1447, hanno sfregiato Piacenza in modo permanente portando ad un progressivo declino della città stessa”.
Anche la battaglia del 1746, che è oggetto del gioco di Contardi, fu combattuta su vaste zone del territorio piacentino dall’esercito austro-russo contro quello franco-spagnolo, impegnando circa 70.000 uomini tra i due schieramenti, un episodio ancora sconosciuto a molti, ma di intensa drammaticità.
Contardi conclude la serata osservando come nella storia le guerre siano state una costante in tutte le epoche e come in alcuni casi le soluzioni belliche adottate dagli attori coinvolti abbiano indicato la soluzione di problemi in situazioni altamente complesse. Nella storia insomma pare non ci siano “Zone Franche” se non per rari momenti fortunati, momenti a cui ci si abitua facilmente senza forse apprezzarli in tutta la loro pienezza.
Le serate dedicate a Piacenza proseguiranno sino al 9 dicembre, con Franco Sprega e Carla Chiappini.

Stefania Micheli

Pubblicato il 29 novembre 2022

Ascolta l'audio

Altri articoli...

  1. Università Cattolica, torna il 2 dicembre l’Open Day Unicatt
  2. Da Carpaneto al Chiapas: il missionario Giorgio Catoni si racconta
  3. Il calendario 2023 della basilica di Santa Maria di Campagna
  4. L'informazione in tempo di guerra con Piagnerelli a Cives
  5. Partono in diocesi i Laboratori della Parola
  6. Al Collegio Alberoni si ricorda mons. Corbellini 
  7. Don Sbuttoni parroco di Roncaglia
  8. Nuovi parroci a Calendasco, Gragnano e Zerbio
  9. Giornata dell'infanzia. Fism: non sia una mera ricorrenza sul calendario
  10. Mercoledì 30 novembre l'assemblea del clero diocesano
  11. Numeri da record per il Career Day della Cattolica
  12. Don Ezio, prete tra città e montagna
  13. UCID, incontro con il dott. Alex Ricchebuono
  14. Bobbio in festa per San Colombano
  15. Antonio Spadaro ospite di Cives
  16. Un convegno in Cattolica su «guerra e pace»
  17. Il 18 la Giornata nazionale di preghiera per le vittime di abusi
  18. Protezione della Giovane, si consegna la Valigia della Speranza
  19. #UNITIPOSSIAMO per il sostegno ai sacerdoti
  20. Giobbe e l’incontro con Dio: in S.Teresa il Cammino delle 10 parole
  21. Come prevenire le minacce inattese? Luciano Canova ospite di Cives
  22. Il Vescovo alle religiose: “Ciò che fa casa sono le relazioni”
  23. Il 7 novembre la messa di guarigione spirituale
  24. Costituite le commissioni «De Promovendis ad Ordines»
  25. Ac, sabato 5 una luce alle finestre per la pace
  26. Cattedrale, una fiammella per Ognissanti
  27. Africa Mission: il 12 novembre torna la cena procidiana
  28. Don Fabrizio Bonelli parroco di Vidiano e Groppo Arcelli
  29. Il direttore don Maloberti a «I Don incontrano le famiglie»
  30. Dalle periferie al centro: la Cattedrale e le Pievi
  31. Domenica 23 la messa di ringraziamento per la canonizzazione di Scalabrini
  32. Un nuovo incarico per don Andrea Campisi e don Fabio Galli
  33. La Ricerca, riprendono i percorsi di «auto-mutuo-aiuto»
  34. Catecumenato, al via le adesioni per il percorso formativo
  35. In Cattedrale il 14 e 15 ottobre il Convegno pastorale diocesano
  36. Pellegrini da Roma in visita ai luoghi di Scalabrini
  37. Scalabrini, il suo sguardo umano verso i migranti
  38. Suor Lina Guzzo: «Ogni migrante è un figlio di Dio»
  39. Nuovi incarichi per don Forni, mons. Dosi, don Murzich e don Tosetti
  40. «Zona franca», in Cattolica la 22ª edizione di Cives

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente

Il nostro Sito utilizza esclusivamente cookies tecnici e non di tracciamento dell'IP di chi accede. Per saperne di più, clicca qui: Utilizzo Cookies