Menu

«Antonino e Savino: quando la fede incontra la storia»

 antonino e savino

Domenica 28 novembre alle ore 16 tornano gli itinerari urbani di «Piacenza da scoprire», organizzati dall’Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Piacenza Bobbio e Kronos – Museo della Cattedrale di Piacenza in collaborazione con CoolTour, che ci accompagneranno ogni quarta domenica del mese per tutta la durata delle celebrazioni per i 900 anni della Cattedrale, fino a conclusione del 2022.

Con il primo appuntamento dal titolo «Antonino e Savino: quando la fede incontra la storia» andremo alla scoperta delle origini del cristianesimo a Piacenza. Correva l’anno 303 quando un soldato convertito alla fede in Cristo (Antonino) fu decapitato nei pressi di Piacenza e sepolto in un ambiente ipogeo poco distante dalla piccola chiesa di S. Maria in Cortina. Soltanto molti anni dopo, con l’arrivo del vescovo Savino, verrà edificata la basilica che porta il suo nome. Secondo una leggenda però, Savino avrebbe costruito altre chiese, tra cui forse la nostra Cattedrale. Mito storiografico o verità? Venite con noi a scoprirlo!

Il tour partirà dalla Cattedrale, cuore pulsante della prima comunità cristiana ma soprattutto sede del vescovo Savino, scopritore come noto delle reliquie del Santo martire. Proseguirà poi nella basilica un tempo dedicata ai XII apostoli ed oggi intitolata allo stesso Savino, nella cui tomba si cela una preziosa testimonianza di fede e speranza. Il percorso avrà termine presso Piazza S. Antonino, con la sua basilica e con la chiesa di Santa Maria in Cortina, luogo da cui tutto ebbe inizio e che ben si presta a una “gloriosa” conclusione.

Costo: biglietto speciale 3,00 €

Possibilità di effettuare un abbonamento per tutti gli 11 itinerari al costo di 25,00 €

Evento a numero chiuso e con prenotazione obbligatoria. Obbligatorio il Green Pass per i maggiori di anni 12. Posti limitati.

Info e prenotazioni: 3314606435

Pubblicato il 25 novembre 2021

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente