Menu

«La famiglia sia santuario dell’amore di Dio»

L’auspicio del Vescovo alla messa in San Francesco. La festa, tappa del cammino diocesano

FDF17 vescovo


“Carissime famiglie, genitori, figli, nonni, siamo un’unica famiglia nel Signore che loda e ringrazia per il dono della vita, una vita illuminata e salvata dal Signore Gesù Cristo. Invochiamo su di noi la misericordia del Signore perché ci infonda la sua Parola che ci conforta e illumina il nostro cammino”.
Con queste parole il vescovo mons. Gianni Ambrosio ha salutato le famiglie riunite nella basilica di San Francesco per la messa, da sempre - ha ricordato introducendo la celebrazione Carlo Dionedi, vice-presidente del Forum delle Famiglie di Piacenza - cuore della Grande Festa della Famiglia: “La fede ci può far camminare sulle acque della morte. Questo abbiamo bisogno di viverlo nell’Eucaristia”. Ha animato la celebrazione il coro dei “San Vittore”-Besurica.

Nell’omelia mons. Ambrosio, richiamandosi al magistero di san Giovanni Paolo II, ha ricordato l’importanza della famiglia nella vita cristiana: “Possa la famiglia, mediante l’aiuto dello Spirito, diventare sorgente di divina carità, un vero santuario d’amore; credo che la Grande Festa della Famiglia vada incontro a questo desiderio perché il Signore si rivela nell’amore tra un uomo e una donna”.
Mons. Ambrosio ha ringraziato le famiglie poiché “l’incontro gioioso della Festa della Famiglia ricorda a tutti la bellezza del progetto di Dio, della famiglia e di quella grande famiglia che è la Chiesa. La famiglia come realtà umana e sacramento è segno della salvezza di Dio”.

Al termine il vicario generale mons. Luigi Chiesa ha evidenziato come la festa, che quest’anno si è inserita con il suo tema a quello dell’anno pastorale - “Figli nel Figlio” - rappresenti una tappa del cammino che la diocesi sta vivendo.

Paolo Pantrini

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente