Menu

La benedettina Madre Maria Emmanuel alla Grande Festa della Famiglia
8142017224333
Essere padri e madri: nel cercare di capire che cos’è questa “missione”, è intervenuta all'interno della Grande Festa della Famiglia Madre Maria Emmanuel Corradini, abbadessa del monastero benedettino di San Raimondo a Piacenza. 
“Quando ci allontaniamo da Dio - ha spiegato Madre Emmanuel -, ci preghiamo a tanti idoli che vorremmo che riempissero la nostra vita. L’idolo può essere un cantante, un capo carismatico, il capo di un partito... Dio in quei momenti ci appare lontano: come il figliol prodigo ci siamo allontanati da Lui. La vera salvezza, la vera soluzione ai nostri problemi, è iniziare a camminare verso il Padre, è camminare verso di Lui. Questo non vuol dire aspettare di essere perfetti: dobbiamo iniziare a camminare, oggi, così come siamo, il resto lo fa Lui”.
Una questione di cuore 
“Questo movimento di ritorno - ha aggiunto la benedettina - è una questione di cuore: «torno da uno che mi ama». Questa è la vera eredità che dà un senso alla vita, non i soldi o altre cose. L’eredità è ritrovare il padre, i suoi occhi, il suo volto. Quando i due - il padre e il figlio - si incontrano, il suo sguardo di padre mi genera a una vita nuova. Quindi, mentre cammino, la misericordia già cambia la mia vita, il mio cuore”.
“Che cosa vuol dire diventare padri e madri? - si è chiesta la religiosa. “È far capire al proprio figlio che, nonostante tutti i nostri sbagli, c’è qualcuno che ci ama. Anch’io - possono dire i genitori - ho sbagliato, ma ho capito che qualcuno mi amava ugualmente”.
In ospedale al reparto infettivi 
“Quando ero medico nel reparto infettivi in ospedale - ha raccontato Madre Emmanuel - incontrai un giovane, a lungo tossicodipendente, che aveva scoperto di essere sieropositivo. Non accettava la sua malattia e si era chiuso in se stesso. Sua madre andava sempre a trovarlo e aveva addirittura «adottato» gli altri ragazzi ricoverati. Un giorno lui mi disse: «Questa notte ho sognato che morivo, ero tutto piagato. Mentre salivo al Cielo, ho incontrato una Persona che mi ha stretto a sé e ho provato una pace indicibile». Io gli risposi che lui non sarebbe morto, non era così grave, ma dopo due giorni inaspettatamente morì. In quei due giorni aveva ripreso a parlare e a sua madre disse con grande serenità: «Mamma, ti voglio bene, grazie»”.
“Mi vuoi bene?”
“Ognuno di noi - ha proseguito Madre Emmanuel - ha bisogno di sentirsi amato. Mi ha colpito molto un’espressione di Ciro, il bambino salvato dopo diverse ore a Ischia dopo il recente terremoto. Al pompiere che cercava di salvarlo, ha detto: «Mi vuoi bene?». Questa è stata anche la domanda di Gesù a Pietro dopo il tradimento e la risurrezione: «Mi vuoi bene?». Dio viene a mendicare il nostro amore di figli: questo bene ci genera alla vita. Lo stesso accadde a Gesù: al momento del suo battesimo, il Padre gli disse dal Cielo: «Questi è il Figlio mio, l’amato». Gesù è venuto a rivelarci che Dio ci ama, che ci è Padre”.
“Non dobbiamo cadere nell’inganno - ha aggiunto la religiosa - che essere padri e madri voglia dire riempire di cose materiali la vita dei propri figli. La nostra vera forza è metterci a pregare per consegnare ai figli l’essenziale, cioè il legame con Dio. Affidiamo con fede i figli alla braccia forte di Dio Padre, Lui non ci deluderà mai”.

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente