Menu

Dal Guado di Sigerico pellegrini in cammino verso la Cisa

pellegrini in marcia verso berceto luglio 2021

Si conclude il 24 luglio con la tappa Borgo val di Taro - Berceto il pellegrinaggio a piedi iniziato sabato 17 al Guado di Sigerico a Calendasco. Sono in tutto una ventina i partecipanti a questa particolare iniziativa che, a seconda delle disponibilità, hanno percorso in otto giorni tratti più o meno lunghi del tracciato dal Po al passo della Cisa su uno dei percorsi della via Francigena.
Dopo la benedizione a Corte Sant’Andrea (Lodi), i pellegrini sono stati traghettati sulla sponda emiliana di Calendasco dal traghettatore Danilo Parisi, che partecipa al pellegrinaggio. A promuoverlo sono stati Giovanni Mariscotti, del Centro Internazionale di Studi sulle Culture del Pellegrinaggio, Danilo Parisi con il circolo Biffulus e l’Ufficio diocesano pellegrinaggi.
Dal Guado, i pellegrini hanno iniziato il loro percorso che li ha portati dopo 23 chilometri alla prima tappa di Verdeto, in Comune di Agazzano. Poi hanno raggiunto Costa Filietto, Bobbio, Mareto, Groppallo, Bardi, Borgo Val di Taro ed ora Berceto.

Nella foto, inviata da Igino Corradi, i pellegrini a Croce Lobbia, al guado del Nure, davanti alla chiesetta di Santa Maria della Pace che fu eretta nel 1919 quando i 19 ragazzi del paese tornarono dalla Grande Guerra sani e salvi.

Pubblicato il 23 luglio 2021

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente