Menu

Vaccinazioni, al via il nuovo centro vaccinale Ausl di Borgotaro

 asl

Anche nel distretto Valli Taro e Ceno è possibile effettuare le vaccinazioni anti-covid19. E’ stato il signor Adelmo di 85 anni, residente a Varano de Melegari, il primo dei 180 cittadini ad essere immunizzati nel nuovo punto vaccinale Ausl di Borgotaro, attivo da questa mattina alla sede Avis di Via Stradella.
“E’ una grande soddisfazione vedere in attività anche il punto vaccinale di Borgotaro – ha commentato il commissario straordinario Ausl Anna Maria Petrini - che sarà il riferimento per tutta la popolazione del distretto Valli Taro e Ceno. Oggi e nelle prossime giornate si vaccinano 180 persone ma se sarà necessario, e se avremo adeguate scorte di vaccino, potremo anche aumentare l’operatività”
Anche a Borgotaro l’attività delle postazioni seguirà un percorso graduale e compatibile con la disponibilità delle dosi di vaccino: si parte con tre postazioni, attive dalle 8 alle 14, che potranno tuttavia essere aumentate fino a cinque e la cui apertura potrà essere estesa fino a dodici ore al giorno. In questo modo la sede valtarese potrà essere in grado di somministrare fino a 600 dosi al giorno. “Siamo molto soddisfatti ed emozionati: – hanno commentato Diego Rossi, sindaco del comune di Borgotaro e Davide Riccoboni, presidente del Comitato di distretto – in Valtaro il centro vaccinale inizia la propria attività ad un anno preciso di distanza dal primo contagiato in provincia di Parma. Vogliamo ringraziare tutto il personale dell’Avis Borgotaro-Albareto e gli operatori che da oggi saranno impegnati in questa fondamentale attività di immunizzazione.
Le prenotazioni sono attualmente aperte solo per le persone che hanno 85 anni e oltre, mentre dal primo marzo saranno estese anche alle persone dagli 80 agli 84 anni inclusi, con le stesse modalità.

asl3

Il signor Adelmo 85 anni il primo vaccinato nel centro vaccinale di Borgotaro.

Pubblicato il 23 febbraio 2021

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente