Menu

Insegnare ai giovani l’uso del denaro: un libro di Assopopolari

 Copertina libro Assopopolari

Nella Sala Ricchetti della Banca di Piacenza, venerdì 26 febbraio, alle ore 18, è in programma la presentazione in streaming del volume “I giovani, l’Economia e la Finanza” edito da Assopopolari. Interverranno, in dialogo tra loro, Angelo Antoniazzi, Pietro Coppelli e Pietro Boselli, rispettivamente direttore generale, condirettore generale e vicedirettore generale dell’Istituto di credito di via Mazzini. Introduzione e conclusioni affidate a Riccardo Mazza dell’Ufficio Relazioni esterne della Banca. Si potrà assistere all’evento collegandosi al sito www.bancadipiacenza.it (per ogni chiarimento rivolgersi all’Ufficio marketing, 0523/542347).

La pubblicazione guida i giovani lettori nel mondo dell’economia e della finanza con un linguaggio semplice e una grafica accattivante ricca di immagini, tabelle, grafici, disegni. “Educare le giovani generazioni all’uso consapevole del denaro è di per sé un’attività di importanza prioritaria - si legge nella presentazione del presidente dell’Associazione nazionale fra le banche popolari Corrado Sforza Fogliani - che assume oggi rilievo ancor più marcato in considerazione delle crescenti difficoltà che i nostri giovani si trovano ad affrontare in un periodo tanto difficile dal punto di vista economico e sociale”. Il segretario generale di Assopopolari Giuseppe De Lucia Lumeno, nell’introduzione al volume, ne spiega il significato ricordando “l’impegno ultradecennale, che prosegue, dell’Associazione sul tanto delicato, quanto urgente, tema dell’educazione finanziaria: spiegare l’economia e la finanza ai ragazzi in modo da dare loro gli strumenti per poter maneggiare questi argomenti così come fanno con i più complessi e sofisticati strumenti tecnologici”.

Pubblicato il 23 febbraio 2021



Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente