Menu

Gragnano, una targa ricorda don Beotti nella via a lui intitolata

 beotti

Il comune di Gragnano ha concluso i lavori di asfaltatura di via Don Beotti, nel capoluogo, posizionando una targa in ricordo del sacerdote di origine gragnanese. All’iniziativa, oltre al sindaco Patrizia Calza e agli assessori Cristiano Schiavi e Alessandra Tirelli, hanno preso parte don Andrea Campisi, numerosi cittadini e il Consiglio comunale dei ragazzi. Si tratta di una iniziativa che si inserisce nel quadro più ampio della cittadinanza attiva e della valorizzazione della storia locale. Chiunque transiti nella via, soprattutto i più giovani, avranno la possibilità di riscoprire la figura della persona a cui la via è dedicata.
In questo caso si ricorda la figura di don Beotti, nato a Campremoldo sotto nel 1912 e ucciso dalle forze nazifasciste a Sidolo, nel comune di Bardi, a 32 anni, nel luglio del 1944. Pur in pericolo, per le rappresaglie che in quei giorni le truppe occupanti stavano svolgendo nei comuni limitrofi - e che prendevano di mira non solo i partigiani ma chiunque desse aiuto a loro o ai fuggiaschi - don Beotti decise di rimanere insieme ai suoi parrocchiani. “Finché c’è un’anima da curare, io sto al mio posto”, disse, deciso a portare avanti fino alla fine la missione che aveva deciso di intraprendere. Un esempio di assunzione di responsabilità che vale richiamare ancora più oggi a tutti e soprattutto alle giovani generazioni. Sempre nell’ottica della storia locale, la targa riporta poi la foto del sito in cui essa è collocata e di come esso appariva agli inizi del secolo scorso.

Pubblicato il 16 maggio 2019

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente