Menu

Alla Passerini presentazione del libro sulla vita di Federico Landi

federicoLandi

“Un principe, uno stato: vita di Federico Landi”: viene presentato sabato 10 novembre alle 17, nel salone monumentale della Biblioteca Passerini Landi (Piacenza, via Carducci 14) il libro di Riccardo De Rosa, edito dal Centro studi della Valle del Ceno.
Si tratta della prima biografia dedicata alla figura che governò lo Stato Landi tra il 1590 e il 1650: un personaggio colto e dalle mille sfaccettature, coinvolto in numerose vicende legate alla storia italiana ed europea, fu Commissario per i Feudi Imperiali e tutore del futuro Principe di Monaco, Onorato II e delle sue due sorelle, riuscendo sempre a mantenere, in un contesto politico spesso confuso, equidistanza, serietà e consapevolezza del proprio ruolo.
L’autore, appassionato studioso della storia della famiglia Landi, ha raccolto in diversi anni di ricerche una documentazione in gran parte inedita, tra archivi italiani, spagnoli e francesi, testimoniando il perdurare del ricordo soprattutto nelle valli del Taro e del Ceno.

Riccardo De Rosa è dottore di ricerca in Storia sociale europeo dal Medioevo all’Età contemporanea. Lavora come consulente storico-genealogico e come consulente tecnico del Tribunale Civile di Milano. È membro della Association of Professional Genealogists con sede a Denver, nonché socio dell'Istituto Araldico Genealogico Italiano e socio corrispondente della Deputazione di Storia Patria per le Antiche Province Modenesi, sezione di Massa e Carrara e del Centro de Estudios Genealogicos e Historicos de Rosario (Argentina), oltre ad essere socio onorario del Centro Studi Val Ceno.
Ha fondato, con la moglie Maria Rosaria, lo Studio di Ricerche Storiche e Genealogiche “Your Italian”. Ha pubblicato numerosi saggi, libri e articoli storici anche inerenti i Landi.

Pubblicato il 7 novembre 2018

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente