Menu

Cadeo, Comune e Banca di Piacenza pro cittadini

Cadeo Municipio

Comune di Cadeo e Banca di Piacenza uniti per dar forma a "La provincia più bella". Rinnovata la convenzione grazie alla quale anche a Cadeo i cittadini potranno godere della concessione di mutui notevolmente agevolati per lavori edilizi che riguardano ristrutturazione o messa in sicurezza di abitazioni e fabbricati.
"Parliamo spesso di decoro e riqualificazione del nostro territorio - spiega Marco Bricconi, sindaco di Cadeo - tutto ciò non avviene solo attraverso interventi pubblici ma anche e soprattutto del singolo cittadino, che riqualificando la propria casa o il proprio negozio, fa la differenza per l'intera collettività".
Come esplicitato nel testo della Convenzione, lo stanziamento del contributo sarà erogato per un ampio ventaglio di interventi: dal rinnovo delle facciate all'intervento su fabbricati già in uso ma bisognosi di interventi e che ne valorizzino immagine e fruibilità; passando per la riqualificazione energetica degli immobili.
"Si potrà richiedere il mutuo agevolato anche per azioni che riguardano la sicurezza degli immobili - puntualizza l'assessore Massimiliano Dosi - come la messa in sicurezza di fabbricati a rischio perché isolati o con insufficienti strumenti di protezione. In altre parole si potrà richiedere l'aiuto della Banca per l'acquisto di opere di tele-allarme, video-sorveglianza, inferriate e porte blindate".
La Banca di Piacenza provvederà a finanziare fino al 100% di fatture e preventivi, iva esclusa, da restituire in rate mensili in un massimo di 72 mesi, con tasso allo 0,80% (Il Comune corrisponderà al mutuatario un contributo – una tantum – in conto interessi in forma attualizzata di 0,10 punti percentuale calcolato sul tasso applicato al mutuatario)

Pubblicato il  6 settembre 2018

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente