Menu

La Piacenza romana a «Il Po ricorda»

poRicorda7set

Venerdì 7 settembre alle ore 17.30 al Centro visite del Parco fluviale del Trebbia (Piacenza, strada dell'Aguzzafame 75, Borgotrebbia) riprendono gli appuntamenti del festival fluviale "Il Po ricorda": Mariarosa Lommi parlerà dello studio del sito archeologico di via San Tommaso e della possibilità di individuare la forma della città in età romana.

L’area dello scavo  si trova nell’estrema propaggine nord-occidentale della città, ai limiti del terrazzo fluviale su cui la stessa fu impostata in età romana: proprio tale posizione, unitamente all’andamento sinuoso della via, ha portato fin qui a escludere dal perimetro urbano antico tutta la fascia di quegli isolati, fino a via Sant’Eufemia.
Tuttavia una serie di riflessioni, scaturite dalla presenza di materiali già del II secolo a.C. e l’inequivocabile presenza di una domus, nota grazie alla presenza di un mosaico - asportato nel corso degli scavi e prossimamente visibile presso la sezione romana dei Musei Civici di Palazzo Farnese, di imminente allestimento -, permettono di riconsiderare gli studi finora svolti sulla città con nuovi occhi e di ipotizzare che la città fosse stata pianificata nella sua massima estensione già dalla rifondazione del 190 a.C., senza procedere a progressivi ampliamenti se non nel corso del Medioevo.

Contemporaneamente alla conferenza, per consentire ai genitori interessati di seguirla, gli operatori specializzati di Arti e Pensieri condurranno un laboratorio sotto al pergolato del museo: L'universo dei laterizi di epoca romana è quanto mai vario e, per alcuni aspetti, incredibilmente simile al presente. Coppi, tegole, mattoni e suspensurae erano indispensabili per costruire le abitazioni e gli edifici della città: Placentia era un noto centro produttivo, favorita dalla presenza del fiume Po. Come un vero officinator, ogni partecipante potrà realizzare un mattone in argilla e marchiarlo col proprio bollo personalizzato!

A seguire aperitivo e reading, accanto al pergolato del Museo.

Per tutta la durata dell’evento sarà aperta e visitabile la mostra “Di là dal fiume e tra gli alberi. Sguardi sul paesaggio del Po”, con foto di Andrea Pasquali e Daniele Zucca, a cura di Raimondo Sassi.

L'appuntamento successivo è previsto venerdì 14 settembre, quando Micaela Bertuzzi proporrà un affascinante viaggio alla scoperta di uno dei mosaici più noti e discussi della Piacenza di duemila anni fa, con la conferenza “Il mosaico di Piazza Duomo tra mito e realtà”.

Per la partecipazione agli aperitivi sarà gradita una piccola offerta a sostegno delle attività dell’Associazione Arti e Pensieri.

IL PO RICORDA si svolge in collaborazione con il Comune di Piacenza (Politiche Culturali e Promozione Turistica; Eventi e Valorizzazione del Grande Fiume) e l’Ente di gestione per i parchi e la biodiversità Emilia occidentale, con il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano e con il patrocinio del Via Francigena Collective Project 2018.

Pubblicato il 5 settembre 2018

Ascolta l'audio

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente