Menu

Dal 12 settembre la Grande Festa della Famiglia

GrandeFestaDellaFamiglia2019

“E noi chi siamo?”: prende spunto dal celebre “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia” di Giacomo Leopardi il tema della Grande Festa della Famiglia 2019, l’undicesima che viene promossa a Piacenza dal Forum delle associazioni familiari, guidato dal prof. Agostino Maffi, e da Il Nuovo Giornale, con il coinvolgimento della diocesi e dell’associazione “Le Querce di Mamre”.

L'evento, in programma dal 12 al 26 settembre con la due-giorni centrale il 21 e 22 settembre, è stato illustrato alla conferenza stampa nel Palazzo Vescovile di Piacenza. Erano presenti il prof. Agostino Maffi, presidente del Forum delle associazioni familiari di Piacenza, mons. Luigi Chiesa, vicario generale della diocesi di Piacenza-Bobbio, don Pietro Cesena, parroco dei Santi Angeli Custodi a Borgotrebbia, e don Davide Maloberti, direttore de "il Nuovo Giornale" e dell'Ufficio Comunicazioni sociali della diocesi.

“Le parole del poeta di Recanati, tratte dal Canto notturno di un pastore errante dell’Asia - spiegano gli organizzatori - mettono a fuoco una domanda: «chi sono io?». Leopardi s’interroga guardando la natura, in particolare la luna («Che fai tu, luna, in ciel?»), e comprende che ogni cosa ha il suo fine. Ma chi è l’uomo - si chiede - di fronte al dolore e alle tante situazioni caotiche della sua esistenza?”.

ANTEPRIMA IL 12 SETTEMBRE CON PADRE MAURIZIO BOTTA
La Grande Festa della Famiglia vivrà un'anteprima con la serata del 12 settembre, promossa dal monastero benedettino di San Raimondo e dalla parrocchia dei Santi Angeli Custodi di Borgotrebbia: alle ore 21, nella chiesa di San Raimondo (Piacenza, corso Vittorio Emanuele II), padre padre Maurizio Botta, sacerdote della Congregazione dell’Oratorio fondata da San Filippo Neri interviene a partire dal tema “Senza Cristo la vita è veramente una miseria. Scrupoli e malinconia, fuori di casa mia. Nessuno è condannato ad essere infelice”.
Padre Botta, prefetto dell’Oratorio Secolare di San Filippo Neri e viceparroco a Santa Maria in Vallicella a Roma, è autore della collana “Le domande grandi dei bambini” e tiene un corso di catechesi, “I Cinque Passi al Mistero”, molto frequentato nella capitale.

TRA GLI OSPITI, I GIOVANI DI NUOVI ORIZZONTI, PIERPAOLO TRIANI, SARA DORIS, GIGI DE PALO E MONICA MONDO
La Festa si apre giovedì 19 settembre alle ore 21 con la Lectio nella chiesa di San Raimondo della benedettina madre Maria Emmanuel Corradini sul tema “Che cosa è l’uomo perché te ne ricordi e il figlio dell’uomo perché te ne curi?” (Salmo 8).

Sabato 21 alle ore 16 a Palazzo Galli della Banca di Piacenza in via Mazzini l’incontro avrà tre protagonisti: Matteo Garla e Marco Galli dell’associazione internazionale “Nuovi Orizzonti” fondata da Chiara Amirante e il prof. Pierpaolo Triani, docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore. I due giovani di “Nuovi Orizzonti” parleranno sul tema “Come guarire le ferite del cuore?” in dialogo con don Pietro Cesena, parroco dei Santi Angeli Custodi a Borgotrebbia e anima dell’associazione “Le Querce di Mamre”. Il professor Triani si soffermerà su “Giovani, discernimento e vocazione della famiglia”. Introduce il prof. Agostino Maffi, presidente del Forum provinciale delle Associazioni familiari.
fdf100 3074Domenica 22 alle ore 10 a Palazzo Gotico intervengono Gigi De Palo, presidente nazionale del Forum delle associazioni familiari (“Un’impresa chiamata famiglia”), e Sara Doris, presidente di Fondazione Mediolanum Onlus (“Avevo tutto ma sentivo un vuoto. Poi ho ritrovato la fede”). Saranno intervistati da Monica Mondo, giornalista di Tv 2000, conduttrice della trasmissione “Soul”.
Nella basilica di Sant'Antonino alle ore 12 messa con il vescovo mons. Gianni Ambrosio.
Alle 13, pranzo sotto i portici di Palazzo Gotico.

DOMENICA IN PIAZZA: LA MUSICA DI PIETRO GALIZZI
E TESTIMONIANZE DI VITA, DAL PROFESSORE APPASSIONATO DI LEOPARDI ALLA CHEF

Al mattino e al pomeriggio, giochi per i bambini con “Pappa e Pero” e l’associazione “Il volo della rondine” e Csi.
Dalle ore 15 “Famiglie in piazza”: si alterneranno musica con Pietro Galizzi e testimonianze di vita e impegno familiare.
Dopo l’apertura con la musica dall’America Latina della comunità peruviana di Piacenza, interverranno: William Bonacina, docente di religione, con la moglie Daniela Tinaglia (“Tutto è cominciato alla Casa del Fanciullo”); il prof. Giulio Boledi, docente di lettere (“Leopardi e le domande fondamentali di ogni uomo”); dott.ssa Itala Orlando, direttrice Associazione “La Ricerca” (“Io sto in piedi se ho un progetto di vita”); Matteo Dell’Orto, diacono, sposato, quattro figlie (“Uno per tutte e tutte per uno... Una famiglia diaconale e scout”); il prof. Carlo Dionedi, direttore scuola parentale Giovanni Paolo II, papà di otto figlio e nonno di sette nipoti (“Il mestiere di fratelli e sorelle”); Andrea Sinigaglia, direttore generale della Scuola internazionale di cucina italiana di Colorno, e Isa Mazzocchi, chef stellata Michelin (“Nella compagnia della tavola”).

Al termine, prima della cena sotto i portici del Gotico, Pietro Galizzi al pianoforte in concerto con Michela Martelli (voce), Stefano Solari (Sax), Lorenzo Frigerio (chitarra) e Giovanni Merli (percussioni).

IL 26 A ROVELETO L’ARTE ALLA RICERCA DEL PADRE.
La Festa si chiuderà giovedì 26 settembre all’oratorio della parrocchia di Roveleto guidata da don Umberto Ciullo.
Il prof. Lorenzo Rizzi condurrà in un viaggio attraverso la riscoperta della figura del padre in 23 dipinti, da “Ettore e Andromaca” del piacentino Gaspare Landi all’Icaro di Matisse.
La mostra con le riproduzioni delle opere illustrate sarà visitabile in oratorio fino al 29 settembre.

Pubblicato il 10 settembre 2019

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente