Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Fino all'8 dicembre la Colletta Alimentare

colletta alimentare

La povertà alimentare in tempo di pandemia è ancora più una emergenza. Per questo la Colletta Alimentare - non potendo più contare sulla tradizionale formula della giornata unica con la presenza dei volontari nei supermercati - ha optato quest'anno per una proposta diversa, che però non cambia la sostanza del gesto: farsi prossimi con chi è nel bisogno.
L’anno scorso, a Piacenza, si sono raccolte 55 tonnellate di cibo grazie alla generosità di tanti che hanno aggiunto nel proprio carrello qualche prodotto. Purtroppo finora le donazioni sono state di circa il 40% in meno rispetto alle aspettative. È dunque più importante che mai sensibilizzare chi abbiamo accanto a partecipare alla Colletta Alimentare e diffondere quanto più possibile le nuove modalità di raccolta, che restano comunque molto semplici.

Dove trovare la card

Basta cercare nei 45 supermercati aderenti all'inizitiva in città e provincia (clicca qui per l’elenco) il totem con le “gift card” da 2€, 5€, 10€. Basta presentare la card alla cassa; verrà scansionato il codice a barre corrispondente all’importo che si vuole donare. Se, invece, si decidesse di usare le casse veloci si potrà puntare con il terminale il codice a barre scelto e l’importo verrà inserito automaticamente nello scontrino al momento del pagamento. Le offerte saranno convertiti in alimenti, che andranno a sostenere la rete di 15 realtà caritative legate al Banco Alimentare che operano sul nostro territorio.
La colletta è anche online, sul sito www.collettaalimentare.it, attivo fino all’8 dicembre, sul sito www.esselungaacasa.it, attivo fino al 10 dicembre e su www.amazon.it fino al 10 dicembre. 

Pubblicato il 3 dicembre 2020

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente