Menu
logo new2015 ok logo appStore logo googleStore

Nuove disposizioni per Cresima e Comunione

ferriere cresima

A causa dell'espandersi dell'epidemia a Piacenza e in tutta la diocesi, il vicario generale mons. Luigi Chiesa ha inviato a tutti i presbiteri il seguente  comunicato:

Carissimi confratelli,
Come ben sappiamo la situazione è in evoluzione, per cui con pazienza cerchiamo di chiarire il giorno dopo ciò che sembrava chiaro, ma non lo era, il giorno prima.
Per cui a fronte di diverse domande da parte di alcuni di voi, dopo la nota che ho inviato nei giorni scorsi, con riferimento in particolare alla celebrazione della Cresima, dopo un ulteriore confronto col Vescovo, si ribadisce quanto segue:

La celebrazione della Cresima va posticipata a data da definire (anche in base all’andamento della situazione epidemiologica). Questo vale per tutte le parrocchie.

Quanto detto per la Cresima deve intendersi anche per la Prima Comunione.

È bene che teniamo questa stessa linea di comportamento in tutte le parrocchie, soprattutto in città, anche per evitare il disorientamento delle persone e delle famiglie. Aiutiamo la nostra gente, per quanto possiamo, a comprendere le ragioni di queste scelte, come di altre già in atto e di quelle che verranno: le ragioni pastorali e le ragioni dovute alla preoccupazione sanitaria. Sappiamo che l’unità come presbiterio non dipenderà dall’osservanza delle norme sanitarie anti-Covid e nemmeno dalle direttive pastorali, anche se però ne è un segno. A custodirci e a sostenerci sia l’amore di Cristo, la fraternità e la preghiera vicendevole, nell’unità tra noi e col nostro Vescovo, insieme al nostro popolo.

                                                                                                         Don Luigi Chiesa

Vicario Generale

  

Pubblicato il 18 novembre 2020

Ascolta l'audio   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente