Menu

I fedeli di nuovo a messa

messa 24 maggio

Finalmente le porte del Duomo di Piacenza si sono aperte al popolo di Dio. Domenica 24 maggio, il vescovo mons. Gianni Ambrosio ha celebrato la messa nella Solennità dell’Ascensione del Signore, trasmessa sempre in streaming sul sito della diocesi e dall’emittente Telelibertà.

Il dono dello Spirito Santo

“È motivo di grande gioia ritrovarci insieme con i fedeli a celebrare l’eucaristia” - ha esordito mons. Ambrosio -. “Sono passati 40 giorni dalla festa di Pasqua e oggi ne festeggiamo il suo compimento”.

Gesù non abbandona i suoi discepoli, affida loro il compito di annunciare l’amore di Dio che illumina la storia dell’umanità. Il Cielo si è aperto - ha commentato il Presule -, si è passati dall’oscurità del sepolcro alla glorificazione del Figlio alla destra del Padre.

“Cristo - ha affermato il Vescovo - è andato a preparare un posto anche per noi, perché nell’oscurità dell’esistenza non venga mai meno la luce della speranza”.

Il Risorto si congeda senza abbandonare i suoi discepoli, promettendo loro il il dono dello Spirito Santo. Essi, da un lato, riconoscono il Cristo, ma nel loro cuore ci sono ancora dubbi ed esitazioni. Gesù li assicura: “Sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”.

Costruire relazioni nuove

Questa è la nuova presenza di Cristo nella Chiesa che - ha sottolineato mons. Ambrosio - è ugualmente viva e consolante. Inizia la missione della Chiesa animata dallo Spirito. “È lui a guidarla, non i nostri programmi e le nostre iniziative. Tutto ciò deve poter apparire in relazioni buone relazioni con i fratelli. Il periodo di distanziamento ci ha reso, infatti, desiderosi di una relazione più profonda con tutti”.

La comunione è stata distribuita, secondo le prescrizioni, dai concelebranti che sono andati verso i fedeli rimasti al loro posto.

Mons. Ambrosio ha concluso la celebrazione ricordando le parole dell’apostolo Paolo che invita i cristiani a comprendere la speranza a cui sono chiamati.

Riccardo Tonna

Pubblicato il 24 maggio 2020

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Amministrazione trasparente