Menu

Appuntamento con la Biblioteca di Strada

strda

Ricomincia lunedì 11 febbraio alle 18, presso la Biblioteca di strada dell’Infrangibile, il ciclo di incontri “L’orto sovversivo”, in cui l’agronomo Paolo Buscarini spiega come realizzare coltivazioni anche “a misura di balcone”, senza utilizzare sostanze velenose o di sintesi ma seguendo, semplicemente, il ciclo naturale delle piante.
Nel frattempo, sono aperte le iscrizioni per il laboratorio che partirà il 1° marzo, in collaborazione con l’associazione “Le mani delle Donne”, dedicato a piccolo cucito e approccio all’uso della macchina da cucire: sei incontri in calendario il venerdì dalle 15 alle 17.30, durante i quali si imparerà a realizzare piccoli rammendi, orli e accorciare abiti. Sei i posti disponibili, con iscrizione obbligatoria da effettuarsi scrivendo a o rivolgendosi direttamente alla Biblioteca di strada il giovedì dalle 9 alle 19. La frequenza è gratuita, ma ciascuno dovrà procurarsi il materiale necessario.
Prosegue, intanto, il laboratorio di maglia e uncinetto con accesso libero ogni lunedì pomeriggio, dalle 15 alle 18, con le rappresentanti di Spi-Cgil, mentre nella stessa giornata, dalle 10 alle 12, a presidiare la struttura tra via Serravalle Libarna e via Tortona è l’associazione Apertamente, impegnata nel sostegno a chi vive condizioni di disagio psichico. Il martedì, dalle 14.30 alle 18, spazio a chi segue il laboratorio di lingua francese, mentre il 2° e 4° mercoledì del mese, dalle 16 alle 18, è presente il Comitato Amici della Pertite insieme ad altre realtà attive nella tutela dell’ambiente.
Tutti i mercoledì, dalle 21 alle 23.30, è a disposizione il Comitato Infrangibile Sicuro, mentre il giovedì dalle 9 alle 19 è aperto lo Sportello dei Cittadini e della Partecipazione e, dalle 20 alle 23.30, la Biblioteca propone serate conviviali.
Tutti i giorni, dalle 15 alle 20 – esclusa la domenica – la saletta con entrata da via Tortona è aperta a chiunque desideri trascorrere qualche ora in compagnia.

Pubblicato l'11 febbraio 2018

Ascolta l'audio   

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.