Menu

Il coraggio di affrontare la vita

In occasione della Giornata mondiale del malato, si presenta la pubblicazione dedicata a Vincenzo Auletta

Auletta

Sabato 9 febbraio alle ore 10.30 al Centro Il Samaritano di Piacenza (via Giordani 12) viene presentata la pubblicazione “Vincenzo Auletta. Il coraggio di affrontare la vita”. Scritta dalla piacentina Federica Villa, dottoranda di ricerca in Storia del cristianesimo all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, è edita dal settimanale Il Nuovo Giornale nella collana “Il centuplo quaggiù e l’eternità” in occasione della Giornata mondiale del malato.

All’incontro intervengono, oltre all’autrice, don Andrea Campisi, parroco di Gragnano e presidente dell’Istituto Madonna della Bomba, che porterà un contributo sul tema “Il dolore, la Croce e la speranza”, e Vilma De Tommasi, amica di Vincenzo.

Vincenzo nasce nel 1962 a Calciano, un piccolo paese in provincia di Matera. La sua famiglia è ampia e molto unita, una tipica famiglia del Sud.
Ha solo 10 anni quando gli viene diagnosticato un craniofaringioma. L’operazione che deve salvargli la vita riesce, ma le conseguenze sono molto gravi: perde quasi completamente la vista.
Negli anni la sua situazione di salute lentamente si aggrava fino a condurlo alla morte nel 2013 a 51 anni.

Ma fin da ragazzo Vincenzo non è stato tipo da lasciarsi andare alla disperazione. In una struttura per ragazzi ipovedenti, il collegio Martuscelli di Napoli, impara a leggere il braille e a Firenze conclude un corso per diventare massofisioterapisti.
Col suo diploma in tasca, Vincenzo fa le valigie e arriva a Piacenza, dove lavora prima all’ospedale di Borgonovo e poi a Piacenza.

Caratteristiche della sua persona sono state sempre la grande attenzione verso gli altri, la facilità a creare amicizia, il desiderio profondo di testimoniare Dio a tutti.
L’esperienza della fede lo ha condotto a non cedere mai alla disperazione.

La pubblicazione verrà inviata in omaggio agli abbonati con l'edizione de "il Nuovo Giornale" di giovedì 14 febbraio.

Pubblicato il 7 febbraio 2019

Ascolta l'audio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

"Il Nuovo Giornale" percepisce i contributi pubblici all’editoria.
"Il Nuovo Giornale", tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.